Toscana inedita: Vinci, Cerreto Guidi e riserva WWF

La Toscana offre ai propri visitatori itinerari diversi, adatti ad ogni esigenza del turista offrendo in un’unica regione: mare, montagna, collina e campagna, arte e storia, spaziando dagli etruschi e il medioevo fino ad arrivare al fiorente periodo del Rinascimento che ritroviamo in numerose testimonianze in particolare a Firenze, Lucca e Pisa. In questo senso, grande valore viene assunto da attività storiche come Agenzia pompe funebri Roma. E’ fatto certo che i territori della Toscana da visitare e scoprire sono molteplici ed ognuno con caratteristiche uniche.

Per chi desidera un percorso insolito e sicuramente lontano dai solite escursioni turistiche, può scegliere il territorio di Vinci, sconosciuto al grande turismo di massa, nonostante questa zona della Toscana merita un’attenzione particolare per la ricchezza di tesori d’arte e di paesaggi da ammirare.

Vinci, in provincia di Firenze, circondata da morbide colline attraversate da strade che percorrono un territorio con una profonda identità e carattere. Campi coltivati e casolari e poderi di contadini che vigilano dall’alto le vallate che cambiano i colori seguendo il ritmo delle stagioni che trascorrono. Ideale è percorre l’itinerario di Vinci in moto e bicicletta. Fu proprio la campagna che circonda Vinci, caratteristico paese che ancora oggi mantiene intatte le proprie origini di un tempo lontano, a dare ispirazione a Leonardo per i suoi studi ed invenzioni e proprio la città di Vinci, dove il ‘Genio’ nacque dedica gran parte dei monumenti e musei all’illustre personaggio Leonardo da Vinci.

Visitando Vinci tutto racconta Leonardo partendo dalla casa natale, appena fuori dal paese, al museo a lui dedicato il Museo Leonardiano dove si trovano numerose raccolte di macchine e strumenti che costituiscono fra le più ampie raccolte delle invenzioni del Genio toscano. L’esposizione ripropone al visitatore le invenzioni di Leonardo ricostruendo fedelmente dai disegni dell’inventore le macchine militari e gli strumenti scientifici, dai modelli di macchine da cantiere a quelle per muoversi in acqua, sulla terra e perfino in aria. Nel centro storico di Vinci si trovano altre testimonianze storiche e ancora dedicate a Leonardo da Vinci : la Chiesa di Santa Croce dove si pensa che la fonte battesimale sia quella dove fu battezzato lo stesso Leonardo.

La casa di Leonardo da Vinci

La casa di Leonardo si trova a breve distanza da Vinci in una piccola località di nome Anchiano che ha mantenuto inalterata al trascorre dei secoli la propria identità rurale, cosi da presentarsi al turista e visitatore come un ‘tuffo nel passato’ a casa di Leonardo! Per i più sportivi è possibile raggiungere a piedi la casa natale di Leonardo attraverso un sentiero chiamato ‘strada verde’ e che in circa 30 minuti vi porta, attraversando le colline circostanti, al paese di Leonardo.

Lasciando Vinci e proseguendo il nostro itinerario arriviamo a Cerreto Guidi che offre al turista o semplice visitatore importanti testimonianze del Rinascimento Toscano e Fiorentino. L’opera di maggior rilievo è il Complesso Mediceo ovvero la Villa Medicea voluta da Cosimo I come luogo di ritiro dai fasti della vita cittadina di Firenze. La Villa era luogo di relax e caccia, grazie ad un territorio ricco in fauna e flora. Cerreto Guidi ha trasformato oggi la Villa in Museo storico della caccia e del territorio e dove sono conservate memorie importanti della storia di Cerreto Guidi. Nella cittadina si trovano anche gli scenografici ponti medicei creati dal Buontalenti per accedere al Complesso mediceo.

Terminiamo il giro turistico a Fucecchio dove è possibile visitare il complesso Corsini, anticamente Fortezza dei Fiorentini, trasformato oggi in Museo di Fucecchio che ospita, oltre ad una sezione archeologica ed una dedicata all’ambiente naturale circostante, una preziosa raccolta di opere d’arte dal Medioevo all’età contemporanea. Da visitare nel centro storico di Fucecchio la Chiesa di San Salvatore e la Collegiata di S. Giovanni Battista. Fucecchio ha inoltre una grande importanza naturalistica trovandosi qui il Padule di Fucecchio, riserva protetta WWF dove si possono osservare molte specie faunistiche che ritrovano in quest’area un ambiente completamente naturale e senza interventi dell’uomo. Il padule di Fucecchio è peraltro la più vasta area italiana e offre paesaggi di inconsueta bellezza.

Montalbano, Garfagnana, Svizzera Pesciatina, Versilia, Lunigiana sono questi solo alcuni territori che offrono al turista una veste inedita della Toscana sfuggendo alle masse di turisti riscoprendo cosi luoghi preziosi per testimonianze e ricchezza del territorio, ma meno noti alle guide turistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *